submit feed

FRATELLO SOLE

L’albero Italia non è stato potato ma capitozzato.

Politica, Società no comments »

Con la fine del Governo Monti si è chiusa una delle parentesi più tristi della politica italiana.
Negli ultimi 7 anni al governo si sono alternati sinistra – destra e tecnici. Tutte le strade sono state praticamente percorse ma con scarsi risultati. Nessuno, ne politici ne tecnici sono riusciti a mettere in pratica ciò che a parole avevano promesso. L’Italia continua pertanto ad avere i propri problemi, aggravati da una crisi d’identità dell’Unione Europea che sembra essere totalmente priva di quello spirito comune che cancellerebbe all’istante qualsiasi tentativo di speculazione finanziaria.
Il rischio concreto è che l’Europa resti solo un sogno. Le misure adottate nell’ultimo anno nel segno dell’unione europea rischiano di essere ricordate come inutili e fortemente dannose. Queste misure non hanno curato il problema, l’hanno semplicemente lenito. Il prezzo pagato dalle aziende italiane è stato però molto pesante in termini di competitività.
Ricordo alcuni leader europei che definivano “impressionanti” le misure adottate dall’ultimo governo.
L’albero Italia non è stato potato ma capitozzato, serviranno molti anni affinchè torni a fruttificare.

La piccola proprietà.

Economia, Società no comments »

La piccola proprietà costituisce le fondamenta di uno stato. Maggiore è il numero di piccoli proprietari e più la Nazione è stabile, forte e insensibile alla speculazione finanziaria.

Il Coraggio.

Vita no comments »

Il Coraggio è fare ciò che è giusto.

Berlusconi si ritrova nelle lettere di Mussolini a Claretta Petacci. C’è una ragione ed è il governare per troppo tempo.

Politica no comments »

Alla presentazione dell’ultimo libro di Bruno Vespa, Silvio Berlusconi ha raccontato di essere impegnato in questo periodo nella lettura delle lettere di Benito Mussolini a Claretta Petacci. Lettere in cui Berlusconi afferma di ritrovarsi; in particolare quando il Duce sosteneva di non avere sufficienti poteri .
Quanto detto dall’ex Presidente del Consiglio non mi sorprende e lo considero ovvio perché c’è un aspetto che accomuna il Berlusconi di oggi al Mussolini delle lettere a Claretta Petacci ed è la longevità al Governo. Se sgombriamo la mente da preconcetti e dai pensieri sulla dittatura, sul fascismo e sul berlusconismo; se facciamo un’analisi delle situazioni strettamente politiche, comprendiamo che in entrambi i casi la ragione di queste affermazione stanno nell’errore di chi non ha capito che avrebbe dovuto lasciare il passo al rinnovamento.
Sorge spontaneo chiedersi per quanti anni queste due persone pensavano di dover governare, pensavano forse di esse gli unici in grado di farlo? Pensavano di essere eterni?
In conclusione mi voglio soffermare solo su di uno dei grandi errori commessi da queste due persone (certo… persone come tutti gli altri) ed è l’aver voluto governare per troppo tempo senza lasciare nel momento opportuno ad un degno successore.
Se ci pensiamo bene, in questi due casi a mancare è stato proprio il successore, colui che al massimo dopo 10 -15 anni prendeva in mano il partito e si contendeva con regolari elezioni il posto di capo del governo.
L’assenza di rinnovamento è il più grande errore politico, per anni ci hanno parlato di riforme ma chi le potrà mai fare? Chi siede da 20 anni in Parlamento?
Quando si capirà che siamo tutti utili ma nessuno è indispensabile probabilmente si riuscirà a creare un sistema politico efficiente ed in grado di risolvere le problematiche del tempo.
Non è una mia teoria, è il ciclo della vita.

Tecnici o Politici. A proposito di Governi, quali sono le differenze?

Politica no comments »

Governo Tecnico e Governo Politico, quali sono le differenze?
Politico è chi si occupa di politica. La politica è aperta a tutti in quanto tutti hanno il diritto di essere eletti e poter quindi amministrare.
Tecnico è chi per formazione e professione ha acqusito determinate competenze in una particolare disciplina. Tutti possono diventare “tecnici” ma il percorso è molto lungo, molto più di un paio di campagne elettorali.

Nel momento in cui un Tecnico si occupa di politica, diventa un Politico. Viceversa quando un Politico viene chiamato ad occuparsi di una determinata disciplina non diventa automaticamente un Tecnico a meno che non lo sia già.

Detto questo, quali sono le differenze tra un Governo Tecnico ed un Governo Politico?
Le differenze come sempre le fanno le persone con le loro competenze e le loro capacità ma in linea di massima si può dire che un Governo Tecnico proprio per definizione ha nei vari Ministeri persone competenti in materia, cosa che purtroppo non avviene sempre nel caso dei Governi Politici.
Un chiaro esempio ci viene dato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, spesso assegnato a persone quasi totalmente estranee al settore.

Molti Politici infine hanno la presunzione di essere anche Tecnici senza aver acquisito sul campo le necessarie competenze. A dire il vero molti si sentono quasi dei tuttologi in grado di apprendere in poche settimane ciò che altri hanno imparato in molti anni di studi e di professione.

In conclusione chi fa politica dovrebbe anche avere delle competenze tecniche e occuparsi preferibilmente solo di quelle.
Le competenze acquisite nella raccolta di voti purtroppo servono solo ad essere eletti ma non a mandare avanti gli Stati.

Sul Biglietto di Letta a Monti.

Politica no comments »

Enrico Letta è senza dubbio uno dei politici del momento. Ha carisma, si sa esprimere bene e soprattutto sa fare politica. Il suo biglietto inviato al premier Mario Monti che lo ha praticamente dato in visione a tutti mi ha sorpreso e sinceramente anche piaciuto poco.
Sono convinto che Mario Monti lo abbia mostrato volutamente ai fotografi, dimostrandosi inflessibile e impegnato in quell’operazione comune a quasi tutto il parlamento che non deve subire interferenze di alcun tipo.
Sembrano piccole cose, quasi casualità, ma danno sicurezza e prospettive per il futuro. Napolitano e Monti ci stanno dando un grande esempio di precisione e serietà istituzionale. Il loro comportamento, la loro eleganza, la loro signorilità stanno rendendo minuscole alcune delle figure politiche che hanno caratterizzato gli ultimi anni. La nostra Nazione ha bisogno di queste personalità.

Equità sociale.

Politica, Società no comments »

L’avvento del nuovo Governo Monti ha portato una ventata di ottimismo che non può che dare serenità. Dovrebbe essere sempre così ma purtroppo soprattutto dopo le varie consultazioni elettorali in Italia prende sempre il sopravvento la polemica ed il contrasto politico, spesso livoroso.
In questi giorni si parla molto di equità sociale e mi fa molto piacere. Sostengo da sempre la necessità di ricercare attraverso la politica il raggiungimento di una condizione di equilibrio sociale che consenta a tutti di sentirsi parte del sistema e non appendice marginale e inutile.
Una società satura di disparità sociali in cui tanti hanno troppo e altrettanti hanno troppo poco non può reggere, soprattutto in momenti di grande crisi.
Rendere equa una società non significa però togliere a chi ha di più per dare a chi ha di meno. Certo, chi ha di più deve contribuire di più al sostentamento dello Stato ma non si può ridurre il tutto ad un dare e ricevere.
L’equità sociale si raggiunge esclusivamente dando a tutti la possibilità di crescere e di ottenere sul campo, sul lavoro risultati soddisfacenti, sia dal punto di vista economico che personale. Non è tanto l’avere che rende felici perchè con i feticci di questo tempo, più hai e più vorresti. Il possedere tutto ciò che si vorrebbe non sarà inoltre mai e poi mai sinonimo di felicità.
La vita è fatta su misura per chi si sa accontentare, per chi sa quotidianamente apprezzare la bellezza delle persone ha accanto e sa condividere con gioia quello che c’è e non rimpiangere quello che non c’è.
La crisi che stiamo vivendo e che sta sempre più stringendo la sua morsa avrà sicuramente un valore sociale perchè ci aiuterà ad apprezzare ciò che abbiamo che solo apparentemente può sembrare poco.
Detto questo, le persone devono avere la possibilità di crescere, di produrre, di inventarsi nuove aziende, nuove attività. Tutti devono avere la possibilità di creare e di investire nel proprio futuro. Tutti devono poter inseguire un sogno, a patto che sia concreto.
Per arrivare a questa condizione non sono poche le barriere da abbattere, ci sono molte delle maglie di quella rete che tende a legare tutto a se che vanno interrotte. La società deve essere globalizzata ma questa non deve essere la condizione predominante.
Una società più equa è sicuramente anche più umana e meno materiale, questo è un grande sogno ma non potrà mai essere l’opera di un solo Governo per farlo avverare.

Buon Lavoro al Governo Monti.

Politica no comments »

E’ doveroso esprimere soddisfazione per il nuovo Governo guidato da Mario Monti. E’ un Governo costituito da persone di grande spessore ed è stato voluto fortemente dal Presidente della Repubblica Napolitano che nell’occasione ha dato grande esempio di correttezza istituzionale e di bravura.
Il Governo Monti è apprezzato un po’ da tutti, a parte rare eccezioni peraltro scontate e figlie di quella teoria politica dello stare in disparte quando ci sono decisioni difficili da prendere al fine di non scontentare il proprio elettorato.
Oggi si respira una ventata di aria nuova, una sensazione di sollievo dopo anni di scontri politici costanti e senza senso. Probabilmente l’Italia non è ancora pronta per il bipolarismo perchè manca la capacità da parte dei politici e dei loro sostenitori di accettare i risultati elettorali. Meglio affidarsi quindi a governi condivisi da più fazioni politiche.
E’ un vero peccato infine che i soliti faziosi della politica abbiano fatto iniziare questa nuova e promettente fase politica con comportamenti inqualificabili all’atto delle dimissioni di Berlusconi.

L’Italia sta volando al tappeto ma c’è anche chi è pronto a festeggiare.

Economia, Nefandezze, Politica no comments »

Quella i oggi è per l’Italia una delle giornate più lunghe e più tristi.
Tutti hanno ormai capito che siamo sull’orlo di un precipizio tranne la politica italiana e i suoi attori principali.
Sembra quasi che la politica viva in un mondo diverso dal nostro, un game dove si gareggia per conquistare il potere. La situazione economica con il dramma della crisi che si fa sempre più irreversibile ed i nostri politici che proseguono con quella ridicola conta di quei 3 o 4 numeri che tengono in piedi o buttano giù il governo.
E’ clamoroso ma prima di risolvere i problemi che ha la Nazione, unica ragione che ha spinto gli elettori italiani a votare sia chi si trova tra le poltrone di maggioranza e sia chi si trova tra quelle di minoranza, c’è sempre da conquistare il potere.
Il bene dell’Italia non viene mai prima della conquista del potere politico, sempre dopo.
E’ pazzesco poi che da almeno un anno una folta schiera di politici all’opposizione, compresi alcuni eletti nella maggioranza continuino imperterriti a chiedere il “passo indietro” a chi ha vinto le elezioni, senza considerare minimamente la possibilità di farne uno proprio di “passo indietro”, sempre per il bene dell’Italia.
Non c’è purtroppo sufficiente senso dello stato ed il dramma sta nel constatare che questa lacuna riguarda tutti.
Questa gente non ha però capito che le loro battaglie per il potere riguardano poco gli italiani che avrebbero il diritto di aspettarsi governi efficienti, duraturi e capaci di dare risposte all’Europa.
Questa gazzarra politica non ci riguarda, non ci rappresenta e ci sta facendo solo del male, soprattutto a livello economico, con le imprese italiane sempre più in difficoltà.
Vedo con amarezza che c’è anche chi è pronto a festeggiare, con panettoni e magari anche Champagne. Tanto, poco importa lo stato in cui versa la Nazione, c’è da vincere la battaglia politica.
Alla storia penso che consegneremo una delle annate politiche più assurde di sempre, proprio in corrispondenza di uno dei periodi economicamente più difficili e complicati per la nostra Nazione.
Io non mi sentirò mai rappresentato da questa gente, da questo parlamento che ha passato 5 anni a fare e disfare governi con innumerevoli salti di poltrona.
Sarebbe auspicabile una ventata nuova, politici giovani, coraggiosi e col carattere di alcune gloriose personalità del passato ma sono sogni. Si dovrà correre al voto, si dovrà farlo in fretta e saranno pochi i nomi nuovi nel prossimo parlamento, soprattutto tra i leader.

Sgomento per la crisi politica dell’Italia, le prossime elezioni con i soliti noti.

Politica no comments »

Provo forte sgomento per la situazione politica ed economica italiana. Mentre i mercati speculano sui nostri BTP e l’Europa chiede giustamente garanzie sulla riduzione del debito pubblico e sul rispetto delle regole che la coalizione di stati si è da sempre posta, in Italia assistiamo al solito “CAOS Politico”, uno sconcertante movimento di pedine e un’altrettanto deprimente susseguirsi di dichiarazioni inutile ed esclusivamente tese a distruggere più che a costruire.
Il Governo attuale e il suo presidente Berlusconi sono vicini alla conclusione anticipata del mandato, è ormai più inevitabile che evidente. E’ impensabile andare avanti in questo modo soprattutto perchè pare che il rispetto degli impegni presi in campagna elettorale interessi a pochi.
Presto si andrà ad elezioni, penso nel 2012, non prima perchè c’è bisogno come sempre di tanta campagna elettorale, di quei fiumi di parole che sono tutto nella politica italiana.
Non si illuda nessuno però che l’avvento di nuove elezioni sia da considerarsi come una svolta perchè le persone, i politici che si contenderanno le poltrone sono esattamente gli stessi che oggi siedono in Parlamento, gli stessi che avevano vinto le elezioni con Prodi nel 2006 e che dopo due soli anni hanno fatto crollare la maggioranza di centro sinistra. Questi ultimi sfideranno quello che resta di quel Pdl che aveva vinto nel 2008 e che dopo due soli anni è stato vittima di guerre intestine senza precedenti.
Questo è ciò che ha caratterizzato lo scenario politico italiano negli ultimi 5 anni, coalizioni vittoriose, maggioranze distrutte e pochi risultati per il paese. Per rendersi conto di quanto sia deludente questa situazione, basta pensare a come in alcuni stati del mondo chi viene eletto governa per 5 anni, 5 anni di lavoro. Noi italiani invece siamo particolari, e in cinque anni ne abbiamo viste di cotte e di crude.
Si, le elezioni almeno serviranno per calmare i mercati ma non ci sarà nessuna svolta, gli uomini sono gli stessi.